I dazi americani sui nostri prodotti alimentari

aaaaaaaaa

 

I dazi americani di Trump che potrebbero danneggiare i nostri prodotti, in particolare quelli alimentari , hanno riaperto , come avviene periodicamente, il dibattito sulla competitivita della nostra agricoltura .

Se è vero che tali dazi potrebbero danneggiarci vale la pena fare alcune precisazioni quando diciamo "Made in Italy".

Se infatti parliamo di prodotti dell’industria agroalimentare , ad esempio la pasta , le  nostre ‘eccellenze industriali’ comprano grano in USA , e altri paesi, per risparmiare qualche euro al quintale , raccontandoci che non produciamo abbastanza perché non abbiamo terra sufficiente , che il nostro grano non è di buona qualità , mettendo sul lastrico migliaia di contadini, e facendo concorrenza sleale a tanti piccoli produttori di pasta e grano tutti italiani.

Beh, allora diciamo che per questa industria  che si distacca progressivamente dal territorio e dal paesaggio favorendo il suo abbandono e il ritorno della selva oscura al posto dei campi di grano ci fa poca simpatia.

Lo stesso vale per altre  categorie di industrie che fanno mozzarelle, formaggi, prosciutti, olio ecc ecc. e  che si lamentano della concorrenza sleale e dell ‘Italian sounding ‘ ,vedi il  ‘parmesan ‘ ecc. In realtà speculano anche loro, facendo assomigliare la nostra agricoltura all’industria metalmeccanica, che importa ferro dall’estero e fa prodotti finiti.

Fra le tante ovvie differenze fra produrre parti meccaniche e alimenti  c’è che  il  fatto che su come vengono prodotte le materie prime alimentari , così come sui prodotti alimentari che importiamo , non abbiamo grandi certezze, anzi prevalgono dubbi leciti, visto che hanno molti meno controlli di qualità dei nostri prodotti.  

A proposito , quando  avremo un governo che proverà a cambiare qualcosa  di questa situazione ?

Prof. Mauro Agnoletti - Università di Firenze - Email: mauro.agnoletti@unifi.it - Website: www.mauroagnoletti.com

Schermata 2014-12-05 alle 10.59.37 Schermata 2014-12-05 alle 11.02.17